L’amministrazione di sostegno

Un vostro anziano parente ha perso le sue capacità di comprendere le cose e di autodeterminarsi e temete che compia atti economicamente pregiudizievoli o che faccia delle scelte per lui dannose?

Sappiate che potete chiedere l’intervento del Giudice Tutelare chiedendo che sia nominato un Amministratore di Sostegno. Il Giudice ascolterà la persona ed i suoi parenti, esaminerà la documentazione medica che gli viene portata e deciderà, anche d’ urgenza, se nominare un amministratore di sostegno, che potrà essere scelto tra i parenti più prossimi, sempre che non vi siano conflitti di interesse, o professionisti. Il giudice stabilirà, caso per caso, quali siano le attività che il soggetto potrà compiere da solo, in quali dovrà essere affiancato dell’ Amministratore, in quali dovrà essere sostituito. 

La consulenza del Medico Legale vi sarà indispensabile qualora vogliate chiedere l’ adozione della misura, o qualcuno voglia richiederne la revoca, ad esempio perché vi è stato un miglioramento clinico od il Giudice sia stato mal indirizzato da documentazione clinica non corrispondente alla realtà.

invia un messaggio
Chiama Ora